Palazzo Reale o Palazzo dei Normanni con la sua Cappella Palatina


Quando Palermo era il centro d'Europa



La Palazzina ora sede dell’assemblea Regionale di Sicilia è stata in passato la residenza dei Reali d’Europa ed ospitava la famiglia sovrana della Sicilia quindi sede imperiale con Federico II e Corrado IV, nel suo percorso storico è stato sede dello storico Parlamento Siciliano. La struttura ha due entrate, quello turistico che va su Piazza indipendenza e quello principale che va su Piazza del Parlamento. Il 3 Luglio 2015 il Palazzo Reale è stato inserito come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel sito seriale di "Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale", ed è allo stato attuale il monumento più visitato della Sicilia.

All’interno al primo piano troviamo la cappella Palatina che si traduce in Cappella del Palazzo, un piccolo gioiello interno al Palazzo con all’interno mosaici. La Cappela luogo di culto fu edificato per volere di Ruggero II, consacrato il 28 aprile 1140, e doveva servire come cappella privata della famiglia reale. La cappella è una vera e propria copia in miniatura del Duomo di Monreale anch’esso decorato con mosaici di immenso valore artistico.

Il Palazzo è una struttura definita come Arabo-Normanna nel suo percorso originale trova le sua fondamenta nell’età bizantina (ancora non costituita come palazzo), nel suo successivi passaggi greco-romana si eseguono delle ulterioni stratificazioni ma ancora non si può definire la struttura come palazzo, la struttura inizia ad essere considerato palazzo, nei tre secoli dell’epoca bizantina-araba, quindi si completa nella sua massima espressione con l’epoca Normanna. Dal passaggio da epoca Araba ad epoca Normanna l'antico Palazzo degli Emiri divento Palazzo dei Normanni per diventare il centro della cultura e dell'arte europea tra il XII e il XIII secolo. Con i Normanni vengono costruiti altre ali importanti della palazzina.

Nell’epoca svevo – angioina – aragonese, il palazzo con Federico II dei Svevi e in seguito suo figlio Manfredi assume un carattere culturale, diventando sede delle scienze e delle lettere in seguito anche elogiate da Dante Alighieri. Nella seconda metà del trediciesimo secolo dopo la sommossa dei Vespri Siciliani, il Palazzo ebbe un rovinoso declino.

Nell’epoca Spagnola divenne sede della Santa inquisizione, mentre durante il periodo borbonico il Palazzo riconquista il suo splendore.

Da visitare all’interno sono la stanza dei vice rè così denominata per i suoi 21 quadri raffiguranti i vice rè do Sicilia , luogotenenti e presidenti del regno borbonico e del regno delle Due Sicilie.

All’interno troviamo:

la Sala di Federico, la Sala ex Presidenti, la Sala Pompeiana, la Sala Cinese, la Sala Gregorietti, la Sala Cinese, il Salottino Savoia, il Salottino del Monetario, il Salottino del Presidente. la Sala della Preghiera, la Sala dei Paesaggi Siciliani, la Sala Bianca, la Sala dei , la Sala Ruggero, la Sala Rossa, la Sala, la Sala Verde, la Cappella Palatina e la Sala del Duca di Montalto.




Bed And Breakfast Palermo centro
Liberty Palace

VIA Milano ,15 -
90133 PALERMO (Pa)

- Telefono +39 091 2757798
- Mobile    +39 392 2884512
- Mobile    +39 328 0703341
- E-Mail      info@libertypalacepa.it

Partita iva 05864340822

Guest House rispondente alla max classificazione 3 stelle - APPT Sicilia



facebookinstagramm